Concorso per infermieri sospeso in Sardegna: il Tar contesta le modalità delle prove

Il Tribunale Amministrativo Regionale (Tar) ha emesso una sospensione per il maxi concorso indetto dall’Ares per l’assunzione di 118 infermieri in Sardegna.

Con oltre 1700 iscritti, il concorso per infermieri ha attirato l’interesse di numerosi candidati, ma le controversie sulle modalità delle prove hanno portato alla decisione di congelare temporaneamente il processo di selezione.

La prima fase del concorso ha visto la partecipazione di poco più di 1.100 candidati, con 448 di loro che hanno superato la prova scritta iniziale. Tuttavia, una significativa quantità di esclusi ha presentato ricorso, contestando la decisione della commissione esaminatrice di utilizzare domande a risposta multipla, nonostante il bando indicasse la necessità di svolgere un tema o rispondere a quesiti sintetici.

SCARICA LA TUA TESI


I ricorrenti hanno sollevato critiche sulla discrepanza tra le modalità stabilite nel bando e quelle effettivamente adottate durante la prova scritta. Il Tar si appresta a prendere una decisione sul merito, ma l’udienza è fissata solo per il 10 gennaio, rendendo impossibile la prosecuzione del concorso secondo i tempi previsti.

Il decreto emesso dal Tar vieta all’Ares di continuare con le prove concorsuali, definendo tale prosecuzione come capace di “pregiudicare assai gravemente l’interesse azionato dai ricorrenti”. La seconda parte delle prove, inizialmente programmata a partire dal 15 dicembre, rimane in attesa della decisione definitiva del tribunale amministrativo.

In attesa della risoluzione delle controversie legali, il destino dei 118 posti in palio per gli infermieri rimane incerto, gettando ombre sulla regolarità della procedura e sulle aspettative dei partecipanti.

Redazione InfoNurse

Fonte: Nurse Times

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Redazione InfoNurse

Informa Infermieri e OSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *