Coronavirus, l’orgoglio di un infermiere: “Non chiamatemi eroe. Voglio solo rispetto”.

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il pensiero del collega Giovanni Salvatore, che lavora all’ospedale “Guglielmo da Saliceto” di Piacenza. 

Questo è il lavoro che ho scelto di fare, questa è la professione che mi fa sentire felice quando​ inizia il mio turno e soddisfatto quando lo finisco.​

Io non voglio essere chiamato eroe. Io voglio solo e semplicemente che le mie competenze e la mia professionalità vengano riconosciute, tutto qui.
Non adesso, quando lo sforzo a cui siamo chiamati e a cui stiamo rispondendo è dieci volte più alto del normale, ma quando veniamo picchiati nei pronto soccorso di tutta Italia, quando siamo etichettati come quelli delle pause caffè interminabili e dei riposini notturni…

“E che ci vorrà mai a misurare una temperatura…”, ci sentiamo dire spesso. Io chiedo a tutti voi, quando tutto questo finirà, di non smettere di avere rispetto. Io non voglio essere chiamato eroe. Voglio solo rispetto per ciò che siamo.

Giovanni Salvatore

Segui l’evoluzione dell’epidemia in tempo reale

Fonte: Nurse Times

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Redazione InfoNurse

Informa Infermieri e OSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.