Fials Romagna “inaccettabile ed offensiva la proposta dell’Ausl di revisione dei criteri per l’attribuzione dell’indennità di malattie infettive”

“Evidentemente l’azienda dimentica il ruolo principale rivestito dagli operatori in tale contesto, che col loro senso di responsabilità, disponibilità, impegno e particolare dedizione al lavoro  hanno rappresentato un imprescindibile punto di forza del Sistema Sanitario Regionale rispetto alla reale capacità delle aziende sanitarie nel fronteggiare la situazione epidemiologica in questi 2 anni”.

Queste  le parole del Segretario Provinciale della FIALS Ravenna Giovanni Corvino inviate con una nota al Direttore Generale della AUSL ROMAGNA Tiziano Carradori a seguito dell’ informativa con la quale l’azienda propone alle sigle sindacali di rivedere i criteri di attribuzione dell’indennità di malattie infettive.

“Tale richiesta ci vede sconcertati, oltre ad essere offensiva per i tanti operatori sanitari ed  ovviamente come Sigla Sindacale la rispediamo al mittente”.

Tale indennità  incalza  il Segretario Provinciale della FIALS di FORLÌ-CESENA Stefano De Pandis “è frutto di accordi sindacali stipulati a piu livelli ed inserita in un contesto di riorganizzazioni aziendali a seguito della Pandemia, ma non ha data di scadenza.

Considerata inoltre la situazione attuale dell’epidemia da Covid-19, esiste ancora il rischio di ripresa dei contagi e dei ricoveri come già successo”, conclude la nota.

Redazione InfoNurse

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *