“Giochi fatti” per il rinnovo degli Organi FNOPI: la “maggioranza bulgara” della Mangiacavalli

E’ tempo di elezioni in seno alla Federazione Nazionale Ordini delle Professioni Infermieristiche.


I 102 Presidenti degli Ordini Provinciali d’Italia sono convocati a Roma a fine mese a ratificare la decisione presa dalla presidente uscente, Barbara Mangiacavalli.

Le nostre fonti raccontano della imperiosa decisione dichiarata dalla Presidente uscente al suo “gregge“, riunito a Roma – assumo personalmente la responsabilità della vostra selezione – avrebbe dichiarato la Presidente Mangiacavalli ai suoi adepti, elencati per comporre il Comitato Centrale, le Commissioni d’Albo (Infermieri e Infermieri pediatrici) e i Collegio dei Revisori dei Conti della FNOPI per il quadriennio 2021/2024.

Ovviamente la Presidente Mangiacavalli ha giocato d’anticipo e “in casa”, garantendo per se e i prescelti i numeri necessari per la sua rielezione e per dare “contiguità e continuità” al metodo di governo dell’Ente ereditato dalla “Silvestro” di cui e’ stata la “delfina” nei precedenti mandati.


Insomma un’autocelebrazione decisa e giocata d’anticipo che fa a pugni con lo “stato di salute” della professione infermieristica rimasta “al Palo” in ogni suo ambito, nel corso del suo ultimo mandato povero di iniziative e soprattutto povero di risultati per gli Infermieri.

Ecco i 15 prescelti per il Comitato Centrale:

Cicia Cosimo (Salerno, Campania)
Cicolini Giancarlo (Chieti, Abruzzo)
Draoli Nicola (Grosseto, Toscana)
Gagliano Carmelo (Genova, Liguria)
Magnacavallo Maria Cristina (Campobasso, Molise)
Moscato Stefano (Vibo Valentia, Calabria)
Mangiacavalli Barbara (Lombardia)
Mazzoleni Beatrice (Bergamo, Lombardia)
Pais Dei Mori Luigi (Belluno, Veneto)
Spica Carmelo (Catania, Sicilia)
Sciretti Massimiliano (Torino, Piemonte)
Pietro Giurdanella (Bologna, Emilia Romagna)
Pateri Pier Paolo (Cagliari, Sardegna)
Scarpa Antonio (Brindisi, Puglia)
Zega Maurizio (Roma, Lazio)

La Presidente Mangiacavalli, per evitare di essere letta trasparente solo nella inconsistenza dei fatti, dovrebbe spiegare agli Infermieri Italiani e a tutti i Presidenti degli Ordini Provinciali d’Italia, veri protagonisti delle attività di rappresentanza professionale per il ruolo determinate delle Regioni nel governo della Sanità Italiana, i criteri di scelta utilizzati per comporre la “sua” squadra di governo, composta frettolosamente e segretamente per impedire alternative e senza consentire nessuna forma di dibattito interno alla classe professionale infermieristica di analisi e confronto sulla politica professionale nazionale da attuare per il prossimo quadriennio.

Fonte: NurseTimes

Ultimi articoli pubblicati

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Redazione InfoNurse

Informa Infermieri e OSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *