Rivoluzione sanitaria in Lombardia: addio alle cooperative e benvenuto al nuovo paradigma della salute

La Deliberazione n. XII/1514 segna una svolta epocale nella gestione dei servizi sanitari.

La Regione Lombardia ha recentemente approvato la Deliberazione n. XII/1514, un atto che mira a porre fine alle esternalizzazioni dei servizi sanitari core e a migliorare la gestione del personale. Questo annuncio ha ricevuto il plauso dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani emergenza area critica (AAROI-EMAC), che da tempo critica l’esternalizzazione di servizi attraverso cooperative.

La Deliberazione, proposta dall’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Guido Bertolaso, è stata accolta positivamente dalla comunità sanitaria, offrendo una soluzione alle problematiche economiche e organizzative legate alla prassi dilagante delle esternalizzazioni.

SCARICA LA TUA TESI


L’AAROI-EMAC, guidata dal dottor Alessandro Vergallo, ha sostenuto a lungo l’idea che nel sistema sanitario pubblico debbano operare dipendenti pubblici assunti tramite concorso pubblico. La Regione Lombardia, con questa Deliberazione, sembra abbracciare tale principio, ponendo fine all’appalto di servizi a cooperative attraverso liberi professionisti.

Il fenomeno dell’appalto di medici a cooperative è stato finora prevalente nel sistema sanitario pubblico, mentre in ambito privato questo approccio sembra essere quasi del tutto sconosciuto. Questo paradosso ha sollevato interrogativi sulla “buona amministrazione” e ha portato la Regione Lombardia a intraprendere azioni correttive.

Il ministro della Salute, Orazio Schillaci, ha manifestato la volontà di interrompere questo circolo vizioso, e la Deliberazione n. XII/1514 rappresenta un passo concreto in questa direzione. La Regione Lombardia ha deciso di porre fine alle esternalizzazioni di servizi, aprendo la strada a un reclutamento diretto di personale medico e migliorando la gestione organizzativa.

Inoltre l’AAROI-EMAC incoraggia altre Regioni e Province autonome a seguire l’esempio della Lombardia, adottando provvedimenti simili. L’associazione sollecita i governatori a intervenire affinché il Governo nazionale elimini il tetto di spesa al ribasso per il personale del Servizio sanitario nazionale (Ssn) pubblico, una restrizione che ha dimostrato nel tempo di essere controproducente.

In ottica di Seo è importante sottolineare che la Deliberazione n. XII/1514 rappresenta una risposta concreta alle sfide del settore sanitario, promuovendo il reclutamento diretto e la gestione interna dei servizi. Questa iniziativa potrebbe avere ripercussioni positive sulla qualità e sulla sicurezza dei servizi sanitari offerti alla popolazione.

In conclusione la Regione Lombardia si posiziona come pioniera nel superamento delle esternalizzazioni dei servizi sanitari, indicando una strada che potrebbe essere seguita da altre Regioni italiane per migliorare l’efficienza e la sostenibilità del sistema sanitario pubblico.

Allegato

Redazione InfoNurse

Fonte: Nurse Times

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Redazione InfoNurse

Informa Infermieri e OSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *