Asp Palermo, 157 infermieri verso la stabilizzazione

Stabilizzazione in vista per 157 infermieri, sette farmacisti e quattro collaboratori tecnico-informatici dell’Asp Palermo che hanno prestato servizio durante l’emergenza Covid. Il commissario straordinario Daniela Faraoni ha infatti firmato gli atti deliberativi di presa d’atto delle graduatorie, con conseguente nomina dei 166 vincitori, che a breve firmeranno il contratto a tempo indeterminato.

“Dal 2019 a oggi – fanno sapere dall’Azienda – sono 1.076 i precari stabilizzati dall’Asp Palermo, ai quali a breve si aggiungeranno altri 243 operatori (tra cui 150 oss), per un totale di 1.319 lavoratori che dal precariato sono passati al contratto a tempo indeterminato”. 

SCARICA LA TUA TESI


Spiega Gaetano Mazzola, responsabile del Coordinamento Sanità pubblica della Cisl Fp Palermo-Trapani: “Questo risultato è stato reso possibile dal protocollo d’intesa siglato dalla Cisl Fp con l’assessorato alla Salute ad aprile del 2023. Così si è potuto avviare questo percorso per i soggetti che avevano maturato i requisiti richiesti dall’intesa, in applicazione della direttiva attuativa regionale del Decreto Milleproroghe”.

Mazzola sottolinea come, senza questo accordo, valido per tutte le aziende sanitarie siciliane, sarebbe stato difficile avviare le stabilizzazioni: “La Cisl è stata lungimirante nel sottoscrivere l’intesa, preferendo agire in quasi solitudine, vista la contrarietà delle altre organizzazioni sindacali, e questa scelta si è rivelata vincente. Adesso si deve raggiungere il traguardo definitivo, che riguarda tanti lavoratori in attesa di essere stabilizzati. Con questo obiettivo abbiamo chiesto un incontro all’assessorato regionale alla Salute, affinché si aumenti il tetto di spesa per prevedere nuove assunzioni e procedere più speditamente alle stabilizzazioni”.

Redazione InfoNurse

Fonte: Nurse Times

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Redazione InfoNurse

Informa Infermieri e OSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *