Don Paolo Romeo morto di Covid: diceva che i vaccini contengono cellule di feti abortiti

Don Paolo Romeo, un parroco No Vax dell’abbazia di Santo Stefano a Genova, è morto per le complicanze del Covid a soli 51 anni dopo un mese di ricovero in ospedale. Il sacerdote definito ultra conservatore era convinto della sua decisione, a suo dire religiosa, di non vaccinarsi. 

Don Paolo Romeo: le tesi strampalate sui vaccini

Il prete contestava l’origine dei vaccini e sosteneva la bufala secondo cui i vaccini contenessero cellule embrionali di feti morti.

La bufala dei feti abortiti per produrre vaccini anti Covid

Quella dei feti nei vaccini è una vecchia bufala rispolverata con il Covid. Secondo alcuni, specie afferenti ad ambienti molto conservatori, molti vaccini sarebbero prodotti usando feti abortiti acquistati dalle case farmaceutiche.

La fake news riguarda i prodotti di AstraZeneca, Johnson & Johnson e Sputnik, ovvero quelli a DNA ricombinante “tradizionali”, che impiegano un virus del raffreddore inattivato e inerte come trasportatore della sequenza genetica di quella piccola parte di SARS-CoV-2 (la proteina spike) contro la quale si vuole generare la risposta immunitaria.

Come spiegava mesi fa Focus “per ottenere grandi quantità del virus del raffreddore, per produrre i vaccini, è necessario introdurlo all’interno di cellule, affinché possa replicarsi.

Le cellule utilizzate da AstraZeneca sono conosciute con il nome di HEK 293 (Human Embryonic Kidney 293), in italiano cellule renali embrionali umane 293: ottenute nel 1973 da Frank Graham nel laboratorio del prof. Alex van der Eb (Università di Leiden, Olanda), rappresentano una linea cellulare ampiamente utilizzata nella ricerca biomedica.

Sono cellule estratte (in gergo, isolate) da un rene embrionale umano e modificate geneticamente in modo tale da ottenere delle cellule capaci di replicarsi indefinitamente (in gergo, trasformate): è quella che viene definita ‘linea cellulare’ e che mantiene gran parte delle caratteristiche di partenza.

Quando è necessario utilizzarle vengono messe in coltura a condizioni di temperatura, umidità e nutrienti controllati; quando poi non vengono più utilizzate, si conservano a temperatura estremamente bassa, mantenendosi vitali ma dormienti per anni”.

Insomma, se è vero che alcuni virus vengono coltivati su cellule di origini fetale non esiste assolutamente un commercio di feti e non vi è alcun incentivo ad abortire.

Tutto è riconducibile a pochi feti donati ormai 60 anni fa, un episodio scagionato dalla Chiesa stessa da tempo. La Pontificia Accademia della Vita ha analizzato a fondo la questione, concludendo che questa modalità di produzione dei vaccini non deve portare a sconsigliare la vaccinazione.

Redazione InfoNurse

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *