Fsi-Usae al Senato per la tutela previdenziale ed economica dei lavoratori del Ssn

Oggi una delegazione della Fsi-Usae composta dal Segretario Generale Adamo Bonazzi e dal Coordinatore Nazionale degli Infermieri Calogero Coniglio, ha incontrato al Senato i rappresentanti del gruppo Fratelli d’Italia composta dalla Senatrice Tiziana Drago, Capogruppo FdI in Commissione bicamerale questioni regionali e dal Senatore Francesco Zaffini Segretario della 12^ Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica.

Scopo dell’incontro la promozione di una serie di atti e di interventi legislativi in favore delle professioni sanitarie e socio sanitarie del Ssn.

SCARICA LA TUA TESI


L’ incontro ha rappresentato un primo proficuo momento di confronto su questioni di grande interesse per il paese, specificamente incentrato sui temi del Pnnr della sanità e sulle opportunità che esso offre nell’ambito della riorganizzazione e dell’implementazione dei presidi territoriali alle categorie delle professioni infermieristiche, sanitarie ostetriche e tecniche e socio sanitarie.

Nell’incontro Fsi-Usae ha prospettato la necessità di considerare nella legge di revisione dei lavori usuranti tutte le medesime professioni e più in generale tutto il personale ospedaliero. Inoltre Fsi-Usae ha chiesto di intervenire con uno specifico emendamento alla legge 502/517 per allargare alle suddette professioni l’autorizzazione all’esercizio della libera professione in deroga al vincolo di esclusività, così come oggi avviene per i medici.

A tale proposito Adamo Bonazzi, Segretario Generale Fsi-Usae, ha dichiarato: “è stato un incontro molto utile e produttivo, abbiamo proposto delle tematiche che riteniamo specifiche e concrete ed abbiamo trovato dei parlamentari disponibili, preparati ed autorevoli, la Senatrice Drago si è dimostrata interessata e sensibile al mondo della sanità e il Senatore Zaffini, forte del suo incarico in commissione permanente è un validissimo interlocutore per le parti sociali. Ad entrambi abbiamo chiesto di farsi promotori di un ordine del giorno che impegni il governo a chiudere subito il magro contratto, già scaduto, e rinnovare presto il Contratto della sanità 2022-2024 finanziandolo immediatamente con fondi sufficienti a garantire ai lavoratori della sanità stipendi di non meno di duemila euro netti mensili“.

Redazione NurseTimes

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *