Lettera ai Ministri: “Sono un infermiere…”

Illustri Presidenti e Ministri,

Mi chiamo Riccardo Calvani, sono un Infermiere di Terapia Intensiva Neonatale che presta la propria attività in uno dei più grandi ospedali romani.

Con immenso dispiacere stiamo vivendo un dramma sanitario di enormi proporzioni e dalle conseguenze incalcolabili sia in termini di vite umane e sia in danni economici, che rattrista tutti, in particolar modo i Professionisti Sanitari, impegnati quotidianamente sia contro il COVID-19 e sia contro le altre patologie.

Gli Infermieri sono quelli che da sempre, non solo in questo momento di pandemia ed emergenza sanitaria nazionale, curano e assistono le persone affinché sia preservato il bene più importante: la vita.

Senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Lo hanno sempre fatto e tutt’ora continuano a farlo con grande senso di responsabilità, aggiornandosi e studiando continuamente, acquisendo cosi ulteriori competenze e titoli accademici.


Siamo sempre presenti in prima linea, H24, 7/7, 365/365 giorni. Quelli che rischiano la propria vita e quella dei nostri cari tutti i giorni. Siamo quelli che hanno la contrattazione bloccata da circa dieci anni a 1.550,00€ comprensivi di tutte le indennità professionali previste dal CCNL.
Cari Presidenti e Ministri non è accettabile e comprensibile che un Infermiere di area critica con laurea, più di un master e corsi di aggiornamento formativi e di perfezionamento prenda lo stesso stipendio di un Infermiere neo-abilitato. Negli anni successivi al conseguimento del titolo di laurea, la stragrande maggioranza di noi, ha acquisito ulteriori titoli accademici, competenze, conoscenze ed esperienze, lavorando sempre secondo scienza e coscienza. Visto il riconoscimento accademico che è stato conferito alla nostra professione è inammissibile che per un professionista con suddetti titoli sia formulato un contratto nazionale retribuito circa 10€/h.


Siamo quelli che di notte veniamo contattati di reperibilità, rispondendo in modo eccellente alle chiamate di urgenza per salvare vite umane. Trovarsi a fine mese con questo stipendio, di certo non gratifica il proprio operato.


In questi giorni si lavora senza sosta, non si ha il tempo neanche di rispondere ai propri bisogni fisiologici. Non è facile lavorare nove, dieci, undici, quindici ore consecutive ed essere ancora lucidi nel prendere decisioni.

Sono giorni difficili e credo capiti a tutti noi di riflettere sul periodo successivo di fine emergenza, perché prima o poi, come in tutte le cose, ci sarà una fine.

Noi Infermieri, stiamo rispondendo a sollecitazioni straordinarie e lo facciamo al meglio, saltando giorni di riposo (fondamentali per il recupero psicofisico), le ferie, effettuando doppi turni e ancora più a malincuore sacrificando la propria vita e quella dei loro affetti cari.

È vero abbiamo una mission da portare a termine, certo che tutti i professionisti sanitari lo stiano facendo al massimo delle loro capacità, competenze, volontà e forze.

Stiamo dimostrando di saper sostenere e portare avanti il Sistema Sanitario Nazionale, nonostante i mille tagli delle strutture sanitarie e del personale.

Auspico da parte di Voi tutti fatti concreti all’insegna del riconoscimento del valore sociale ed economico, per quello che siamo e che stiamo facendo ogni giorno, al pari del nostro impegno e del contributo che la nostra professione sta mettendo a disposizione di tutto il Paese.
L’essere chiamati EROI ci gratifica, sì, ma quello che Voi state vedendo in questi giorni, noi lo facciamo sempre; di strumenti per dare dignità al nostro operato ce ne sarebbero e come:

  • Fuoriuscita dal comparto sanitario andando a costituire un’apposita sezione contrattuale per le Professioni Infermieristiche, ai sensi di quanto già definito dall’ultimo periodo del comma 2 dell’articolo 40 D.Lgs 165/01;
  • Istituzione di una indennità infermieristica come parte del trattamento economico che riconosca e valorizza sul piano economico le profonde differenze rispetto alle altre professioni sanitarie. Indennità di specificità Infermieristica;
  • Garanzie indennità specifica e dignitosa per tutti i professionisti che assistono pazienti con un alto rischio infettivo;
  • Aumento della remunerazione economica in base alle proprie competenze, esperienza, acquisizione titoli accademici e corsi di aggiornamento,
  • Indennità di esclusività del rapporto e possibilità per gli infermieri pubblici e privati di prestare la propria attività tecnica-intellettuale-scientifica in regime di extramoenia e di attivare le prestazioni aggiuntive come da comma 2 del D.L. 12/11/2001 n.402, convertito in L. 1/2002.

La mia è solo una piccola voce all’interno di una categoria che subisce da anni, senza mai essere ascoltata.

Certo di una Vostra risposta vi porgo i più Distinti Saluti.

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Redazione InfoNurse

Informa Infermieri e OSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.