Liguria, Consiglio di Stato blocca maxi concorso per oss del 2019

Respinta, per ora con ordinanza, la richiesta di Alisa di sospendere la sentenza del Tar, che aveva dato ragione ai candidati promotori del ricorso per vizio di forma.

Il Consiglio di Stato ha blocca il maxi concorso indetto nel novembre 2019 da Alisa per assumere almeno 274 operatori socio-sanitari in Liguria. La decisione è arrivata con l’ordinanza che ha respinto la richiesta dell’Agenzia di sanità ligure di sospendere in via cautelare la sentenza di primo grado del Tar, che aveva dato ragione ai candidati promotori del ricorso.

Per i giudici, che in sostanza entrano già nel merito della questione, pur senza emettere una sentenza definitiva, “la sentenza appellata ha correttamente applicato principi in materia di pubblici concorsi, intesi ad assicurare ai partecipanti il rispetto dei principi della trasparenza, dell’imparzialità e della legalità”. Alisa, che dopo la prima sentenza del Tar era corsa ai ripari, suggerendo alle Asl di assumere nuovo personale a tempo determinato, aveva chiesto una sospensiva per poter svolgere gli orali e procedere ai primi inserimenti, ma la pronuncia del Consiglio di Stato ha sbarrato questa strada, anticipando l’esito finale della vicenda giudiziaria.

I ricorrenti si erano opposti sulla base del fatto che i fogli consegnati per il test di preselezione non erano vidimati col timbro e la firma di un membro della commissione. Un vizio di forma sufficiente, secondo entrambi i gradi della giustizia amministrativa, ad annullare completamente il concorso. Secondo Alisa, invece, la modalità adottata era ancora più sicura perché prevedeva l’apposizione di un codice a barre univoco da parte di ciascun candidato.

Erano quasi 6mila gli iscritti alla preselezione, ma se ne erano presentati meno di 3.700, dando vita peraltro ad assembramenti non previsti dall’organizzazione. Alla prova scritta, che consisteva in un quiz a risposta multipla, erano riuscite ad accedere quasi 2.600 persone. I posti disponibili erano 274, ma Alisa prevedeva di assumerne almeno il doppio, pescando dalla graduatoria, visto che il concorso era stato indetto prima dell’emergenza Covid, e nel frattempo le necessità si sono moltiplicate.

“Ad oggi, non essendosi ancora il Consiglio di Stato pronunciato in via definitiva nel merito, il concorso è da ritenersi solo sospeso, e non annullato – precisa Alisa in una nota -. In caso di accoglimento delle istanze di Alisa, si procederà con le prove orali. Solo qualora Consiglio di Stato dovesse confermare la sentenza del Tar la prova pratica dovrà essere ripetuta. Regione Liguria, nelle more del giudizio presso il Consiglio di Stato, ha dato indicazioni alle aziende sociosanitarie liguri di procedere alle assunzioni a tempo determinato di personale oss necessarie per assicurare il fabbisogno previsto”.

Redazione Nurse Times

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Redazione InfoNurse

Informa Infermieri e OSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *