Stabilizzazioni, questa la chiamate uguaglianza e meritocrazia?

”Carissimo Direttore,
Sono Ivan un infermiere Siciliano deluso dal sistema assunzioni della mia regione.
Come tantissimi miei colleghi, sono stato costretto a lasciare i miei affetti e la mia Regione per provare un concorso pubblico al Nord Italia, dove i concorsi esistono e si può sperare in un posto pubblico a tempo indeterminato, acquisito con vero metodo meritocratico.


Le aziende ospedaliere della mia bellissima regione per assumere personale infermieristico, si affidano ormai da decenni solamente a bandi a tempo determinato per poi stabilizzare in massa, alimentando il precariato, il blocco dei concorsi e pugnalando alle spalle quei professionisti che hanno scelto la via meritocratica dei concorsi, che hanno lasciato la propria terra e si sono distinti per qualità in altre Regioni.


Ultimamente si vedono sempre più stabilizzazioni, ma noi che siamo vittime della pessima gestione e del blocco concorsi, non avremmo il diritto di tornare a casa?


Dove sono le mobilità? questa secondo voi si chiama giustizia e uguaglianza?


Sono deluso da questa situazione e stanco di vedere Regioni e sindacati che permettono tutto ciò.
Con questo non dico di essere contro le stabilizzazioni, ma penso che non debba diventare l’unico metodo di assunzione e che bisognerebbe puntare sulla meritocrazia e soprattutto ci deve essere un metodo di assunzione uguale per tutti.”

Ultimi articoli pubblicati


#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Redazione InfoNurse

Informa Infermieri e OSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *