Un augurio speciale a tutto il servizio 118

Era il 1990 quando, in occasione dei mondiali di calcio, venne sperimentato a Bologna, prima città in Italia assieme a Udine il 118 come numero unico e gratuito di chiamata per la risposta alle emergenze sanitarie.
In seguito il 27 marzo 1992, il Presidente della Repubblica Italiana Francesco Cossiga, con Decreto legge sulla sanità (il c.d. “decreto De Lorenzo”), diede inizio a ciò che oggi è l’intero servizio 118 italiano.

Da quel momento su tutto il territorio nazionale, ogni giorno in servizo 24 ore su 24, in corsa a bordo dei mezzi di soccorso e nelle centrali operative, migliaia di professionisti tra Medici, Infermieri, Oss, Autisti e Soccorritori, volontari e dipendenti, pubblici e privati, uniti da una sola MISSION : “tutelare la salute umana, riducendone la mortalità, limitando soprattutto gli esiti invalidanti e le gravi disabilità che compromettono la qualità di vita”.

Quest’oggi è arrivato dalla finestra della biblioteca del Palazzo Apostolico del Vaticano, l’annuncio di ringraziamento da parte di Papa Francesco, rivolto a questi operatori che in questo trentennio hanno dimostrato oltre alle loro doti professionali un grande senso di vocazione nell’aiutare gli ammalati bisognosi di soccorso.

Come ex operatore del Servizio 118, non posso che essere onorato a nome di tutti, ivi compreso gli ex centodiciottisti, che hanno avuto il piacere e il privilegio di indossare una divisa degna della stima delle autorità laiche ed ecclesiastiche, con l’auspicio, che l’attenzione rivolta ad oggi possa portare dei riscontri propositivi per il miglioramento lavorativo dello stesso, come la proposta di legge sulla riforma dell’emergenza, e l’approvazione del riconoscimento della figura professionale dell’autista soccorritore, oltre all’adeguamento di specifiche indennità per le figure coinvolte.

Un augurio speciale a tutto il servizio 118.

Francesco SARDELLA

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *