Dolore cronico, Siaarti: “Possibile curarlo anche con le innovazioni tecnologiche”

La società scientifica si sta indirizzando verso device mininvasivi, realtà virtuale e realtà aumentata come strumenti per ridurre la sofferenza.

Siaarti è una delle società scientifiche che tiene alta l’attenzione verso il trattamento del dolore cronico. La Legge 38/2010 aveva definito i presupposti per un mutamento di sistema (il dolore è definito patologia e quindi in quanto tale è da trattare), ma i risultati sono stati apprezzabili nell’ambito del dolore oncologico, meno in ciò che riguarda le altre tipologie di sofferenza.

SCARICA LA TUA TESI


Anche in ICARE 2022 (Congresso nazionale a Milano, con oltre 4mila specialisti di anestesia, rianimazione, analgesia e terapia intensiva) il dolore è tema centrale di numerose sessioni. E una delle domande ricorrenti è: a che punto sono la ricerca e lo sviluppo di nuovi approcci, non solamente farmacologici, in questo ambito?

Risponde Alessia Violini, responsabile sezione Medicina del dolore e cure palliative Siaarti: “Il dolore cronico colpisce milioni di persone nel mondo e ne rappresenta una delle principali cause di disabilità. Spesso le terapie farmacologiche e non farmacologiche a disposizione non sono sufficientemente efficaci per affrontare e gestire adeguatamente questa condizione. L’urgenza di una terapia efficace anche a medio-lungo termine ha portato negli ultimi tempi ad una ricerca e ad uno sviluppo di nuove tecnologie per la medicina del dolore. Una maggiore comprensione dei segnali elettrici che nel sistema nervoso causano e mantengono il dolore cronico, nonché l’effetto che la stimolazione terapeutica provoca su questi segnali, sta portando allo sviluppo di nuovi approcci di neuromodulazione”.

Possiamo già provare a identificare nel presente le maggiori innovazioni tecnologiche mininvasive nell’ambito del dolore cronico? Precisa Violini: “La continua ricerca tecnologica di nuove forme d’onda per la stimolazione midollare e periferica, di nuovi target neurali, uniti alla miniaturizzazione di devices sempre meno invasivi e compatibili con indagini strumentali come la risonanza magnetica, stanno rendendo possibile l’estensione della loro indicazione ed applicabilità”.

Una delle ultime innovazioni nel campo della neuromodulazione vede oggi, ad esempio, la possibilità di utilizzo di una tecnologia che finora prevedeva l’inserimento di un elettrocatetere per via percutanea addirittura con tecnologia totalmente non invasiva, attraverso elettrodi superficiali che stimolerebbero in alta frequenza le fibre nervose in profondità e verosimilmente gli interneuroni inibitori del dolore. “Tra le tecniche di neuro stimolazione non invasiva – prosegue la responsabile Siaarti della sezione Medicina del dolore – ricordiamo inoltre la stimolazione transcranica a corrente continua che induce un flusso a bassa corrente attraversole strutture cerebrali profonde per iperpolarizzare e quindi inibire dei target mirati”.

La recente implementazione delle tecnologie di telemedicina e teleconsulto offrono nuove possibilità di migliorare fortemente la qualità dell’assistenza sanitaria? “Sicuramente sì, e inoltre, grazie ai nuovi algoritmi di intelligenza artificiale, si stanno studiando e mettendo a punto anche nel nostro Paese nuove terapie digitali e nuove app su sistemi talvolta indossabili per la gestione del dolore cronico, in cui il paziente diventa protagonista del suo percorso clinico”.

Ma ci sono anche soluzioni di realtà virtuale a portata di mano, visto lo sviluppo impetuoso della ricerca in questo settore. Quando e come potranno essere implementate? Risponde l’esperta Siaarti: “Per le situazioni in cui il dolore cronico diventa difficile e i meccanismi fisiologici di modulazione risultano talmente alterati e complessi da condizionare la sua percezione al punto da ritenere fino a pochi mesi fa una condizione dolorosa intrattabile, oggi si stanno sperimentando proprio applicazioni di realtà virtuale e realtà aumentata che secondo gli ultimi lavori internazionali sembrano ridurre efficacemente la sofferenza e il dosaggio dei farmaci, inclusi gli oppioidi, migliorando così la qualità di vita dei pazienti. Mentre alcune di queste tecnologie hanno già dimostrato la loro efficacia in letteratura, molte sono ancora in fase di sperimentazione”.

Conclude Violini: “L’interesse e gli investimenti per la ricerca sulle innovazioni tecnologiche nel dolore cronico sono oggi un segno promettente di sviluppo futuro di nuove possibilità terapeutiche. Possiamo sperare di avere presto a disposizione nuovi mezzi per trattare il dolore in modo preciso, mirato e se possibile anche con applicazioni domiciliari, migliorando quindi l’impatto della gestione del dolore cronico per i pazienti, per le loro famiglie e per il Sistema sanitario nazionale”.

Redfazione InfoNurse

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Redazione InfoNurse

Informa Infermieri e OSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *