Emozioni al confine della vita: strazianti racconti di infermieri sul social Reddit

Nei corridoi della vita e della morte, gli infermieri fungono da preziosi testimoni degli ultimi istanti di persone comuni, ognuna con la propria storia da condividere.

Lo hanno fatto in un gruppo di Infermieri del social network “Reddit” , permettrndo a questi Professionisti della salute di liberare il loro cuore e la loro anima, raccontando esperienze che spesso uniscono momenti di gioia, tristezza e persino scioccanti sorprese.

Il DailyMail ha raccolto alcuni di questi toccanti racconti, che ci spingono a riflettere sulla fragilità della vita e sulla straordinaria umanità che si cela dietro gli stetoscopi e i camici bianchi.

SCARICA LA TUA TESI


Uno dei racconti riguarda un anziano uomo in vacanza con la sua famiglia. L’ambulanza era stata chiamata per un malore, ma purtroppo, quando gli infermieri arrivarono, l’uomo sembrava già spirato. In un momento davvero insolito, l’uomo aprì gli occhi per un breve istante e disse: “Vedi? Te l’avevo detto che stavo per morire”, prima di perdere nuovamente i sensi e lasciare questo mondo. Il figlio, incredulo, non poté fare a meno di ribadire: “Quello è papà. Doveva sempre avere ragione”.

Un’altra infermiera ha condiviso la triste storia di una paziente, la quale, in punto di morte, la ritenne la migliore nel suo reparto. Con una frase agghiacciante, la donna disse: “Sei davvero insignificante per me”, lasciando l’infermiera senza parole, carica di tristezza per una simile affermazione.

Ma c’è anche spazio per la stranezza e l’inquietudine.

Un’altra paziente, prima di morire, affrontò il momento con una battuta pronta, chiedendo scherzosamente se era arrivato il momento di smettere di respirare, mentre il monitor segnalava una frequenza cardiaca impressionante. Purtroppo, quella battuta fu l’ultimo istante di vita per quella donna.

E c’è un altro racconto che coinvolge un’ospite di una casa di cura. Giorni prima della sua morte, confidò segreti scioccanti a una giovane infermiera, raccontandole di un omicidio commesso da suo marito e dai suoi amici molti anni prima. Il peso della confessione lasciò l’infermiera con i brividi lungo la schiena, costretta a portare con sé un segreto oscuro.

In un altro triste episodio, un giovane assistente Sanitario si legò a un paziente che aveva vissuto la seconda guerra mondiale.

Dopo un ictus, il paziente rivelò di sentirsi in colpa per gli orrori commessi in passato e disse: “Siamo entrati negli edifici solo sparando. C’è solo un posto per me. Ed è quello che mi merito”. Un grido di disperazione e pentimento che risuona ancora nel cuore di quell’assistente dietetico.

Infine, la storia di una nonnina affetta da demenza che, in un momento di lucidità, raccontò di aver finalmente trovato suo marito defunto, Jack, in un ballo. Decise di ballare con lui e, poco dopo, morì. Un momento di serenità e riconciliazione con il passato per quella donna, lasciando un’eredità di amore e dolcezza per i suoi cari.

Questi racconti sono solo una piccola finestra sulla straordinaria gamma di emozioni che gli infermieri affrontano quotidianamente nel loro lavoro. Testimoni silenziosi dei momenti più profondi e intimi della vita umana, ci ricordano l’importanza di apprezzare ogni momento con i nostri cari, mentre siamo ancora qui per farlo.

Redazione InfoNurse

Fonte: www.dailymail.co.uk, NurseTimes

Seguici su:

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *