Cardiopatia, studio dimostra i benefici del pesce più oleoso

Un nuovo studio ha scoperto che i soggetti con anamnesi familiare di cardiopatia potrebbero trarre beneficio dal consumo di pesce più oleoso, come salmone, sgombro, aringhe e sardine. Questo contiene alti livelli di acidi grassi omega 3, che non possono essere prodotti dall’organismo e devono essere ottenuti dalla dieta.

Un ampio studio internazionale, pubblicato sulla rivista Circulation, ha concluso che il rischio di cardiopatia aumentava di oltre il 40% se presentavano bassi livelli di acidi grassi omega 3 più un’anamnesi familiare di problemi cardiaci. Tuttavia, se una persona presentava livelli adeguati di acidi grassi omega 3, la sua anamnesi cardiaca familiare aumentava il rischio di appena il 25%.

SCARICA LA TUA TESI


“Lo studio suggerisce che chi ha una storia familiare di malattie cardiovascolari ha più da guadagnare dal consumo di pesce grasso rispetto agli altri”, ha affermato la ricercatrice principale Karin Leander, professoressa associata di Epidemiologia presso il Karolinska Institute, in Svezia.

Secondo l’American Heart Association, gli acidi grassi omega 3 sono stati collegati a un sistema immunitario più forte, a una ridotta infiammazione, a una pressione sanguigna più bassa e a un miglioramento del tasso di colesterolo.

Per lo studio, Leander e i suoi colleghi hanno raggruppato i dati di oltre 40mila persone, quasi 8mila delle quali hanno sviluppato problemi cardiaci come angina instabile, attacco cardiaco, arresto cardiaco e ictus. I livelli di acidi grassi omega 3 sono stati misurati in tutti i partecipanti allo studio. Questi livelli sono una misura affidabile del consumo alimentare di pesce oleoso da parte di una persona e sono più affidabili dei dati sulla dieta autoriferiti dalle persone.

“Il fatto che le misurazioni degli acidi grassi nel sangue e nei tessuti siano obiettive, rispetto ai dati autoriferiti sulle abitudini alimentari, è un vantaggio importante”, ha osservato in un comunicato stampa dell’Istituto.

“La malattia cardiovascolare è in una certa misura ereditaria, come dimostrato dagli studi sui gemelli, ma è stato difficile identificare i geni controllanti – ha affermato Leander -. Una forte ipotesi è quindi che si tratti di una combinazione di genetica e ambiente”.

Redazione InfoNurse

Fonte: Nurse Times

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Redazione InfoNurse

Informa Infermieri e OSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *