Coronavirus: si può essere contagiosi anche senza sintomi. Primo caso risale al 1 dicembre

Nella regione cinese colpita dal misterioso virus che ha già fatto registrare 81 morti, ci sarebbero diversi italiani bloccati nella città di Wuhan in contatto con la Farnesina. Breve guida dell’ISS

Secondo gli esperti il contagio può avvenire prima di sviluppare i sintomi come tosse, febbre, starnuti.
Il ministro della Commissione sanitaria nazionale di Pechino, Ma Xiaowe, ha rilasciato delle dichiarazioni alla stampa stampa cinese e straniera “la capacità di diffusione si sta rafforzando. Il periodo di incubazione può variare da uno a 14 giorni. Questo coronavirus si trasmette anche durante l’incubazione, diversamente da quello della Sars. Le conoscenze che abbiamo al momento sono limitate”.

Le infezioni accertate sarebbero 2744, di cui 300 in condizioni molto serie, nello Hubei che circonda la città, inclusi 10 tra Hong Kong, Macao e Taiwan (che i cinesi considerano provincia). Sono soprattutto maschi, anziani e già debilitati da altre patologie. Non si prevede ancora un picco.

Per scongiurare il diffondersi dell’epidemia le autorità cinesi dispongono la chiusura delle scuole e università a Pechino e Hong Kong per due settimane almeno dopo la fine delle vacanze di Capodanno lunare.
Da oggi saranno fermati gli autobus a lungo raggio, tra Pechino e Tianjin. Un altro colpo psicologico, perché nei piani di Xi le aree intorno alla capitale e al porto sono un’immensa zona urbana da oltre 100 milioni di abitanti che possono vivere in una città e lavorare nell’altra. Dimostrando senso di responsabilità e preoccupazione per la sua immagine nel mondo, Pechino ha ordinato alle agenzie di viaggio cinesi di bloccare i tour di gruppo anche all’ estero.

Secondo la rivista The Lancet e segnalata dalla rivista Science sul suo sito, il primo caso di infezione da 2019-nCoV risale al primo dicembre e la persona infettata non era stata al mercato ittico di Wuhan.

“La comparsa dei sintomi nel primo paziente identificato risale al primo dicembre 2019″, si legge su The Lancet. “Nessuno dei suoi familiari – proseguono gli autori della ricerca – ha sviluppato febbre né altri sintomi respiratori”. Al momento, inoltre, “non ci sono legami epidemiologici fra il primo paziente e gli altri casi”.

La guida dell’Istituto Superiore della Sanità spiega brevemente, cosa sono i coronavirus, sintomi e diagnosi, trasmissione, prevenzione e trattamento

I coronavirus (CoV) sono un’ampia famiglia di virus respiratori che possono causare malattie da lievi a moderate, dal comune raffreddore a sindromi respiratorie come la MERS (sindrome respiratoria mediorientale, Middle East respiratory syndrome) e la SARS (sindrome respiratoria acuta grave, Severe acute respiratory syndrome). Sono chiamati così per le punte a forma di corona che sono presenti sulla loro superficie.
I coronavirus sono comuni in molte specie animali (come i cammelli e i pipistrelli) ma in alcuni casi, se pur raramente, possono evolversi e infettare l’uomo per poi diffondersi nella popolazione. Un nuovo coronavirus è un nuovo ceppo di coronavirus che non è stato precedentemente mai identificato nell’uomo.

I coronavirus umani conosciuti ad oggi, comuni in tutto il mondo, sono sette, alcuni identificati diversi anni fa (i primi a metà degli anni Sessanta) e alcuni identificati nel nuovo millennio.

Sintomi e diagnosi

I sintomi più comuni di un’infezione da coronavirus nell’uomo includono febbre, tosse, difficoltà respiratorie. Nei casi più gravi, l’infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e persino la morte.

In particolare:

  • i coronavirus umani comuni di solito causano malattie del tratto respiratorio superiore da lievi a moderate, come il comune raffreddore, che durano per un breve periodo di tempo. I sintomi possono includere:
    • naso che cola
    • mal di testa
    • tosse
    • gola infiammata
    • febbre
    • una sensazione generale di malessere.
  • I coronavirus umani a volte possono causare malattie del tratto respiratorio inferiore, come polmonite o bronchite. Questo è più comune nelle persone con preesistenti patologie croniche dell’apparato cardio-vascolare e/o respiratorio, e soggetti con un sistema immunitario indebolito, nei neonati e negli anziani.
  • Altri coronavirus umani che hanno fatto il salto specie, come per esempio MERS-CoV e SARS-CoV, possono causare sintomi gravi. I sintomi della sindrome respiratoria mediorientale di solito includono febbre, tosse e respiro affannoso che spesso progrediscono in polmonite e circa 3 o 4 casi su 10 sono risultati letali. I casi di MERS continuano a verificarsi, principalmente nella penisola arabica. I sintomi della sindrome respiratoria acuta grave, per la quale non si registrano più casi dal 2004 in nessuna parte del mondo, includevano febbre, brividi e dolori muscolari che di solito progredivano in polmonite.

Data la poca specificità dei sintomi comuni dell’infezione da coronavirus è possibile effettuare test di laboratorio su campioni respiratori e/o siero soprattutto in caso di malattia grave. È comunque importante, nel caso si verifichino sintomi, informare il proprio medico di eventuali viaggi o di recenti contatti con animali (per esempio viaggi nei Paesi della penisola arabica o contatti con cammelli o prodotti a base di cammello).

Trasmissione, prevenzione e trattamento

I coronavirus umani si trasmettono da una persona infetta a un’altra attraverso:

  • la saliva, tossendo e starnutendo
  • contatti diretti personali (come toccare o stringere la mano e portarla alle mucose)
  • toccando prima un oggetto o una superficie contaminati dal virus e poi portandosi le mani (non ancora lavate) sulla bocca, sul naso o sugli occhi
  • contaminazione fecale (raramente).
  • Non esistono trattamenti specifici per le infezioni causate dai coronavirus e non sono disponibili, al momento, vaccini per proteggersi dal virus. La maggior parte delle persone infette da coronavirus comuni guarisce spontaneamente.

Tuttavia è possibile ridurre il rischio di infezione, proteggendo se stessi e gli altri, seguendo alcuni accorgimenti:

  • lavarsi spesso le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi o con soluzioni alcoliche
  • starnutire o tossire in un fazzoletto o con il gomito flesso, utilizzare una mascherina e gettare i fazzoletti utilizzati in un cestino chiuso immediatamente dopo l’uso
  • evitare di toccare gli occhi, il naso o la bocca con mani non lavate
  • evitare contatti ravvicinati con persone che sono malate o che mostri sintomi di malattie respiratorie (come tosse e starnuti)
  • rimanere a casa se si hanno sintomi
  • fare attenzione alle pratiche alimentari (evitare carne cruda o poco cotta, frutta o verdura non lavate e le bevande non imbottigliate)
  • pulire e disinfettare oggetti e superfici che possono essere state contaminate.
  • È possibile alleviare i sintomi assumendo farmaci per i dolori muscolari, articolari e la febbre.

Redazione

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Redazione InfoNurse

Informa Infermieri e OSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.