Importante sentenza a Firenze: sospensione da Covid riconosciuta come discriminazione con risarcimento

Il Tribunale di Firenze ha emesso una sentenza significativa il 20 novembre 2023, a firma della Dott.ssa Zanda, che accoglie il ricorso di un’infermiera sospesa dal lavoro a causa della mancata vaccinazione contro il COVID-19. La decisione del tribunale è basata sulla considerazione che tale sospensione costituisca un atto discriminatorio.

La vicenda

La dipendente aveva presentato un ricorso in cui lamentava di essere stata sospesa dall’azienda a partire dal 2 settembre 2021 per non aver aderito alla vaccinazione anti-COVID. Contestualmente, sottolineava la mancanza di un adeguato supporto alternativo da parte dell’azienda e la violazione dell’obbligo di assegnare mansioni inferiori che non comportassero il contatto con il pubblico o potessero essere svolte da remoto.

SCARICA LA TUA TESI


Decisione del Tribunale

Il tribunale, nel respingere la sospensione come atto discriminatorio, ha fatto riferimento alla normativa sulla parità di trattamento, specificamente la Direttiva 2000/78/CE e il D. Lgs. n. 216/2003. La sentenza afferma che la competenza del tribunale è giustificata, considerando la disciplina speciale posta a tutela degli interessi primari contro atti discriminatori nei luoghi di lavoro.

Contestazioni e documentazione

Il ricorso conteneva diverse contestazioni, compresa l’incostituzionalità dell’obbligo vaccinale, la presunta pericolosità dei vaccini anti-COVID e la mancanza di giustificazioni valide per il trattamento diseguale riservato alla dipendente. Il tribunale ha respinto le argomentazioni sulla base della documentazione presentata, sostenendo che le normative imposte non dimostrano l’efficacia preventiva contro il virus. Inoltre, ha citato studi scientifici che, afferma la sentenza, indicano la pericolosità dei vaccini per la salute pubblica.

Risarcimento

La sentenza conclude riconoscendo la fondatezza dell’azione promossa. L’azienda è condannata a corrispondere il danno patrimoniale dovuto alla sospensione illegittima, insieme al risarcimento del danno non patrimoniale. Quest’ultimo è stato quantificato in €. 200,00 per ogni giorno di sospensione subita dalla dipendente, considerando l’eccezionale durata, indeterminatezza, sproporzione e irragionevolezza della sospensione.

Conclusioni

La decisione del tribunale, innovativa e pionieristica, affronta la discriminazione basata sulle convinzioni personali in ambito lavorativo. La sentenza sottolinea che, di fronte a condotte discriminatorie, il Giudice Ordinario prevede la tutela contro la discriminazione in atto e disapplica la normativa che ne costituisce la base.

Questa sentenza potrebbe avere ripercussioni significative nel contesto delle dispute legali relative alla vaccinazione anti-COVID nei luoghi di lavoro, aprendo la strada a ulteriori dibattiti sulla legittimità di tali misure e le relative conseguenze giuridiche.

Redazione infoNurse

Fonte: Nurse Times

#InfoNurse - Informazione Infermieristica

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:
https://www.facebook.com/InfoNurse.it/


"Seguici sul canale InfoNurse":



Redazione InfoNurse

Informa Infermieri e OSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *